Zona lavanderia: arredo tra design e funzionalità

Nel mondo dell’arredo, esistono soluzioni svariate per arredare la zona lavanderia: uno spazio che ritengo ingegnoso e pratico, ma poco valorizzato e spesso trascurato. Da molti visto quasi come un ripostiglio in cui ammassare alla rinfusa detersivi e ammorbidenti vari, in compagnia di scope e stracci, per poi chiuderlo a chiave così da non permettere ai bambini di entrarci. In questo articolo, voglio invece mostrarvi non solo l’ utilità della zona lavanderia, ma anche come arredarla. 

arredare la zona lavanderia:

uno spazio che ritengo ingegnoso e pratico, ma poco valorizzato e spesso trascurato. Da molti visto quasi come un ripostiglio in cui ammassare alla rinfusa detersivi e ammorbidenti vari, in compagnia di scope e stracci, per poi chiuderlo a chiave così da non permettere ai bambini di entrarci. In questo articolo, voglio invece mostrarvi non solo l’utilità della zona lavanderia, ma anche come arredarla con gusto e design, dandole la stessa importanza di una qualunque altra stanza della casa. Iniziamo…

La lavanderia: da stanza del lavoro a luogo di tranquillità

Chi ha lo spazio di allestire un piccolo angolo o stanza a zona lavanderia, ha già risolto la maggior parte dei problemi di casa, perché la lavanderia si presta ad essere un luogo dove tutto è permesso: il disordine può regnare sovrano, a differenza dell’ordine che domina in tutto il resto della casa.
E’ il  luogo ibrido dove puoi stendere, lasciare il cesto della biancheria stracolmo di capi, in cui i “veri padroni” sono la lavatrice, l’asciugatrice, l’asse da stiro, la caldaia.
In più, puoi ricavarti un posticino per la pet terapy trascorrendo del tempo con il tuo animale domestico (sicuramente ne sarà felice) o per uno dei tuoi hobby preferiti che magari non si sa dove praticare. Altro modo di impiegare la zona lavanderia, se si ha la fortuna di averne una spaziosa, è quella di adibire un angolino in cui poter lavorare indisturbate, ascoltando la propria musica preferita e isolandosi un pochino dal mondo. Un luogo dove ritagliarsi del tempo per se stesse, continuando comunque a lavorare, ma in maniera più piacevole. 

Gli alleati del lavoro domestico

Fortunatamente, gli arredi e gli oggetti ci vengono comunque in aiuto. Ormai esistono elettrodomestici che sono in grado di alleviare molto il lavoro in casa: lavatrici ingegnose che eseguono le funzioni richieste tramite la voce umana, asciugatrici ad elevata potenza, ferri da stiro intelligenti e tecnologici, omini porta abiti che stirano… Se si ha il giusto spazio tutto serve e aiuta. Ideale sarebbe avere anche un armadio per il famigerato cambio di stagione (di cui ho già parlato qui) o per riporre gli abiti man mano che si stirano oppure adibirlo a scarpiera, purché sia capiente!
La stanza dei lavori diventerebbe la stanza di una donna felice! Gli elementi d’arredo principali che non possono mancare in una zona lavanderia pero’ sono sicuramente:
– lavandino
– lavatrice
– asciugatrice
– e, se possibile, un bello scaffale per tutti i prodotti della pulizia per liberare spazio dal bagno e dai mobiletti sui balconi, mai troppo piacevoli da vedere.

Focus sulla lavatrice

Prima ancora dell’asciugatrice, del forno a microonde o del forno da cucina, uno dei primi elettrodomestici che si acquista è la lavatrice. Essendo uno degli elettrodomestici più utili, fin essenziali, di una casa la lavatrice merita uno spazio a sé. Al giorno d’oggi, è infatti impossibile pensare di vivere senza: con la frenesia delle nostre giornate e il poco tempo che abbiamo a disposizione, l’idea di tornare a casa e dover lavare tutti i capi a mano non è delle più piacevoli. Al contrario, una lavatrice pratica e funzionale e, sì, anche bella esteticamente, ci aiuta ad alleviare la mole di lavoro casalingo. Che si sia in tre o che si abbia una famiglia numerosa, non è un’opzione della quale si può fare a meno, specialmente se bisogna lavare i vestiti due o più volte la settimana. Grazie alla tecncologia a nostra disposizione, la lavatrice è andata perfezionandosi sempre più sia nelle prestazioni sia a livello estetico.
Grande o piccola a seconda di dove la si vuole posizionare, esterna o da incasso sono le possibilità che vengono offerte dal mercato per scegliere la migliore per la nostra casa. Vediamo brevemente le caratteristiche principali di una lavatrice: – dimensioni e peso: variano a seconda dello spazio che si ha a dispozione nel bagno o nella zona lavanderia.

consumo energetico: in base alla classe di efficienza energetica e al numero di volte che si utilizza la lavatrice, il costo del consumo energetica cambia. Pertanto è un elemento da valutare con attenzione.
– 

ergonomia: per le più moderne lavatrice, è disponibile anche questa funzione con protezione per bambini, indicatore del tempo rimanente oppure un sistema protezione traboccamento acqua.
– 

design: si basa su aspetti estetici come il tipo di carica – frontale o dall’alto – il colore del prodotto che può differire da quello della porta, il tipo di controllo – tramite pulsanti o manopole – e il display incorporato o meno.
– 

prestazioni: possono variare a seconda delle dimensioni della lavatrice, come la capacità del cestello che è differente da modello a modello. Troviamo anche altre caratteristiche, quali la velocità di centrifuga mssima, la quantità di programma di lavaggio, la temperatura e sistemi regolabili.
– 

programmi di lavaggio: a seconda delle prestazioni offerte si possono avere una quantità di programmi di lavaggio differente. Per esempio, il lavaggio di capi scuri, di cotone, di lana oppure i sentetici. A seconda del modello che si sceglie, si possono avere più o meno funzioni a nostra disposizione. Anche il costo varia da lavatrice a lavatrice, l’importante è acquistare la tipologia giusta, basandosi sulle nostre reali esigenze. 

I nostri consigli

E‘ esteticamente bello coordinare il mobile lavabo con altri mobili in cui incassare la lavatrice con sopra l’asciugatrice, oltre che molto funzionale, perché si risparmia spazio.
Diversi produttori ormai propongono questo genere di soluzioni, poiché danno un senso di ordine, organizzazione e di pulizia.

  La formula è semplice: più’ gli oggetti sono utili, più’ ci si organizza e più’ si risparmia tempo. Infine, tutto ciò’ che è riposto nella lavanderia e’ sicuro per i nostri bambini che possono giocare indisturbati senza tentazioni di detersivi o oggetti caldi e pericolosi da prendere o toccare. Una sicurezza per loro e una tranquillità in più per noi mamme. Less is more!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *