Letto fisso o con contenitore: qual è la scelta migliore?

Letto con contenitore o fisso? Se non sai quale scegliere, ti mostriamo le caratteristiche di ognuno per trovare quello giusto per te ma sopratutto per la tua casa.


Scegliere l’arredo per la camera da letto non è facile: controllare le dimensioni di armadi e comodini, decidere il colore più adatto a noi, il materiale dei complementi… 
Tante opzioni che, spesso, generano confusione e poche idee chiare. Come se non bastasse, si aggiunge anche la scelta del letto, il complemento principale della camera da letto, il primo sul quale ricade il nostro occhio quando si entra nella stanza. Ecco quindi che ci si chiede: “Qual è la scelta migliore tra letto con contenitore o fisso?” Vediamolo assieme…

LETTO CON CONTENITORE O FISSO?

Il letto è la prima cosa a cui si pensa quando si deve arredare la camera da letto. Complemento d’arredo principale, poiché deve permettere di riposare al meglio. Comodità, qualità e una struttura forte e robusta sono le caratteristiche più importanti e ricercate quando si acquista un nuovo letto, unite a un’estetica e design che possano rispecchiare il nostro stile.

Caratteristiche del letto con contenitore

– 

SPAZIO: il contenitore è una soluzione semplice e pratica per chi ha poco spazio a disposizione. Grazie a un sistema meccanico di leve e pistoni, la rete e il materasso vengono sollevati così da poter riporre materiale ingombrante nel vano all’interno. 
Solitamente, lo si utilizza per indumenti e oggetti necessari solo in determinati periodi dell’anno, come teli mare, coperte pesanti, piumini e lenzuola, vestiti estivi o invernali. 
Il contenitore è quindi una comoda alternativa per ricavare spazio prezioso da armadi e cassettiere. – 

SOLLEVAMENTO FACILITATO:  il meccanismo di sollevamento del letto con contenitore viene studiato per ridurre al minimo sforzo e fatica. Inoltre, è possibile scegliere la direzione del sollevamento: infatti, si hanno letti ad apertura inclinata o laterale, verticale o orizzontale oppure dotati di cassetti laterali. – 

ADATTO A TUTTE LE DIMENSIONI: il contenitore non viene realizzato solamente per il letto matrimoniale, al contrario è richiesto anche per la versione singola e quella a una piazza e mezza. Molto utile nella stanza di un bambino o di un ragazzo per riporre giochi che magari non si utilizzano più, libri di scuola degli anni precedenti e i vestiti ad uso stagionale. – 

POLVERE: all’interno del contenitore i materiali sono protetti dalla polvere esterna, ancora di più se riposti in sacchetti di plastica sottovuoto. Questi riparano dalla polvere, ma permettono anche di avere maggior spazio nel vano stesso. 

Caratteristiche del letto fisso

Il letto fisso è il classico letto utilizzato da sempre. I piedini a vista rimangono un punto fermo dell’estetica e design tradizionali, associati alla funzionalità del letto. – 

ARIA: il letto fisso permette una circolazione d’aria maggiore, anche nella parte inferiore. – 

DESIGN: nel letto senza contenitore si intravedono i piedi, dettaglio che rende il letto più leggero e armonioso, risaltandone la testata. Inoltre, il letto fisso consente di scegliere tra design differenti, quali il minimal dotato di giroletto sottile oppure il letto sospeso. – 

PULIZIA: con una scopa o l’aspirapolvere, è più facile raggiungere quei luoghi nella parte inferiore del letto dove la polvere si annida maggiormente.

In conclusione

Abbiamo visto i vari punti di forza dei due modelli di letto per avere un’idea chiara. 
Riprendiamo ora la nostra domanda introduttiva, ovvero qual è la scelta migliore tra letto con contenitore o fisso. 
La risposta non è scontata, anzi può essere “dipende” oppure “entrambi”, infatti la soluzione migliore è quella di pensare allo spazio che si ha a disposizione, visionare e valutare i diversi modelli per trovare quello che fa davvero al caso vostro.

Link prodotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *