Lavabi da bagno: come sceglierli in base ai gusti e alla funzionalità

Che si preferiscano con forme squadrate oppure ovali, con la classica colonna o sospesi, in ceramica bianca o in materiali e nuances all’avanguardia, oggigiorno il mercato dei 

lavabi per il bagno è in grado di soddisfare tutti i gusti e le necessità.

Forma, tipo di installazione, materiali e dimensioni: ecco le caratteristiche da considerare nei lavabi per il bagno.

Eh sì, perché la scelta del lavandino da inserire non è solo una questione estetica, ma anche funzionale, e dipende sostanzialmente dall’ampiezza dello spazio a disposizione, più che dalla forma del lavabo in sé. Per intenderci: nonostante siano entrambi tondi, una cosa è installare un lavandino sospeso come quello della immagine 1, altra è voler arricchire la propria sala da bagno in stile provenzale con un lavabo in marmo integrato in un mobile d’epoca, come quello ritratto nella foto 2. È lapalissiano affermare che le ampiezze richieste sono ben diverse!

A proposito di forme, non solo tonde ma anche: – ovali – angolari – rettangolari (tutte differenti tra loro per dimensioni e spessori, pur se della medesima forma).

Tuttavia un lavabo non è definito solo dalla bacinella, ma anche dal tipo di installazione che prevede: – a colonna e a semincolonna: nel primo caso il piedistallo arriva sino a terra, nel secondo si allunga quel tanto necessario a celare le tubazioni – sospesi – free standing (o a libera installazione) – a incasso e a semincasso: nella prima configurazione le dimensioni del top sono maggiori del lavabo stesso (che può essere collocato al di sopra o al di sotto di esso), nella seconda il lavabo poggia su un mobile/piano più stretto di esso

Oltre a forma e installazione, i lavandini per il bagno differiscono anche per materiali e misure. Tra i materiali si annoverano: – la ceramica, disponibile in versione opaca, lucida o colorata – il vetro, elegante e moderno, ma poco resistenti agli urti e al calcare – il marmo, altrettanto elegante, ma costoso, facilmente macchiabile e impegnativo nella manutenzione – il grès porcellanato, anti-macchia e anti-graffio, resistenti al calore, ma anche caro e disponibile solo in forme squadrate – la resina acrilica: tra le più conosciute il corian, che annovera tra le sue caratteristiche la personalizzazione e la facile manutenzione, e tra i suoi vantaggi la resistenza, l’igienicità, l’ecologicità – la pietra.   Per quanto concerne invece le misure, in generale i modelli di lavabi con colonna sono quelli più ingombranti. Detto questo però oggigiorno vengono realizzati prodotti capaci di adattarsi a qualsiasi spazio: se a deficitare è la larghezza, esistono in commercio lavabi di soli 35 cm; se è la profondità a dover essere contenuta meglio optare per lavabi larghi e stretti e dunque poco sporgenti. E anche nel caso in cui si propendesse per modello con mobile annesso, ma si avesse poco spazio, il mercato saprebbe comunque soddisfare l’esigenza. Se invece il desiderio è quello di avere un doppio lavandino non si potrà disporre di una lunghezza inferiore ai 120 cm.   A proposito di dimensioni necessarie: – il lavabo ha in genere una profondità di ca. 45 cm che può arrivare a 50 cm se è dotato di mobile – sia vaso che bidet devono essere a una distanza dal lavabo di almeno 10 cm, così come a tale distanza devono essere tra loro due lavabi -il lavabo può arrivare invece fino a 5 cm di distanza da vasca o doccia. – sarebbe utile avere uno spazio d’uso di almeno 75 cm antistanti il lavabo, considerato lo spazio minimo di cui un uomo medio ha bisogno per chinarsi, allargare i gomiti e rialzarsi comodamente.

 

Costi dei lavabi da bagno

Come per tutti i sanitari, anche i lavabi presentano dei costi assai variabili, che vanno da un minimo di poco inferiore ai 50 euro (si tratta dei modelli dalle dimensioni più contenute) ad un massimo praticamente indefinito, che può arrivare a 3mila euro per prodotti di design, firmati da grandi nomi del settore, di notevole capienza, e realizzati con materiali particolari come le resine e le polveri minerali, e anche oltre, se si pensa a pezzi unici come quelli del Swisshorn Gold Palace a Hong Kong, completamentein oro, non a caso parte della toilette più costosa del mondo! Per altri costi e per ulteriori consigli su come scegliere il giusto lavabo vi rimando a questa risorsa

 http://costo-ristrutturazione-casa.it/la-scelta-dei-lavabi-bagno/, dove ci si focalizza anche su alcune firme del settore e sulla scelta dei piani d’appoggio più indicati, sottolineandone pregi e difetti.

Se vuoi invece avere un’idea su degli accessori per il bagno clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *